sabato 13 aprile 2013

Sigaretta elettronica, il sex symbol è "svapato"


Da Fanpage:

Ultimamente mi preme una questione che sarà pure di secondaria importanza, ma sta mettendo a dura prova i miei fragili nervi: la sigaretta elettronica.

negozi che le vendono crescono come funghi e capita sempre più di frequente di vedere gente alla fermata del tram con questo aggeggio  tra le mani. Del resto si ricarica con aromi a piacere, contiene meno nicotina rispetto alle sigarette normali e permette di non rinunciare alla gestualità, per cui il successo del prodotto è scontato.

In realtà manca ancora una sperimentazione estesa: quello che si sa con certezza è solo che in molti paesi europei le sigarette elettroniche contenenti nicotina sono gestite come prodotti farmaceutici, mentre in Italia il Ministero della Salute si è limitato a stabilire delle prescrizioni per l'etichettatura: vendita vietata ai minori di 16 anni, simbolo di tossicità, tenere fuori dalla portata dei bambini. In pratica, pur essendo venduta come aiuto per smettere di fumare, anziché come dispositivo medico o farmaceutico, in Italia la sigaretta elettronica viene regolamentata semplicemente come prodotto da tabacco.

Comunque, checché ne dicano gli esperti, il fenomeno dilaga, e secondo me la sigaretta elettronica funziona pure: prendete me per esempio, ogni volta che ne vedo una, mi viene voglia di iniziare a fumare.
I motivi?  Tanto per iniziare, perché alla sigaretta elettronica dobbiamo quel meraviglioso neologismo che è "svapare". Non si capisce perché ma dai "respingimenti" allo "svapare", ogni neologismo è sempre peggiore dei termini che l'hanno preceduto. Poi dicono che noi italiani abbiamo paura del cambiamento: e certo, se già a partire dal linguaggio coniamo certe parole del cavolo, non vedo cos'è che potrebbe darci speranza per il futuro.

Ad ogni modo, il motivo vero, serio, per cui la sigaretta elettronica mi istiga pensieri poco zuccherosi è un altro: il colpo mortale che sta infliggendo all'immaginario femminile. Un immaginario che per anni si è nutrito di stereotipi sull'uomo che non deve chiedere mai, sul sex symbol tenebroso, sul concentrato di testosterone che sa essere stronzo o dal cuore tenero a seconda delle circostanze. E' finita; il mito del bello e maledetto non ha retto il colpo dell'impatto contro una nuvola di vapore.
Una volta questi qui li vedevi cazzuti con la sigaretta in bocca, adesso sembrano dei rincoglioniti da ospizio che s'accontentano di un surrogato perché nun je la fanno più. Jack Nicholson per esempio:  s'è fumato di tutto a tutte le ore, e mo'  te lo ritrovi con quel coso in bocca. Un altro è Di Caprio; sarà che non gli danno l'Oscar, ma pure lui è passato dalla figura del ragazzaccio che faceva baldoria con gli amici negli hotel a quella del bravo ragazzo che fuma la sigaretta elettronica: in pratica un impiegatuccio vegetariano col vizio delle bionde.
A Hollywood hanno avuto il coraggio di appiopparla persino a Johnny Depp in The Tourist:  Johnny Depp è Johnny Depp, per carità, ma per bilanciare gli serviranno minimo 10 sceneggiature di Tim Burton. Dai, non puoi scritturare Johnny Depp con l'immagine che si porta dietro e poi fargli fumare l'e-cig: è come costringere Messi a giocare a calcio al biliardino.
Spostiamoci in casa e prendiamo Vasco Rossi: quello una volta cantava la vita spericolata, è stato trovato con 26 grammi di coca  in casa, e adesso, lui quoque,  tesse le lodi della sigaretta elettronica.
E' il mondo al contrario, ma non solo dell'immaginario femminile: s'è capovolta proprio la figura dell'artista. Una volta l'artista era il trasgressivo; adesso è diventato il modello da seguire: stile di vita sano, jogging sulla spiaggia, cause animaliste e, in casi disperati, persino la pubblicità del latte. In compenso gli sportivi si dopano per aggiungere le prestazioni disumane che gli vengono richieste.
Del diman non c'è certezza, ma proprio per niente: non abbiamo un governo, Benedetto XVI ha rinunciato all'incarico e l'unico concentrato di ormoni che c'era rimasto, non "svapa" perché preferisce intingere i cornetti nel cioccolato. Non so voi, ma a me di questo passo l'unica cosa che "svaperà" sarà la voglia di rapportarmi con l'universo maschile.




2 commenti:

Blogger ha detto...

VistaVapors is the most recommended electronic cigarettes supplier.

Ed Devin ha detto...

I believe wismec p80 is one powerful e cigs, that produces more vapor than you'll ever need. On the other hand, it is quite a simple product as well, really easy to use. To sum it up, aspire cleito exo tank replacement coil works great and lasts for a long time. Definitely our #1 pick in vapesourcing and we vape it all the time.